^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

ALTRI ANIMALI

Il Bichon frisé: estroverso e gioioso

Il Bichon à poil frisé, come il suo cugino Barbone, discende dal Barbet, per cui il nome divenne 'barbichon', contratto poi in Bichon. È un cane antico con un lungo curriculum di viaggiatore, soprattutto quando, diventato la mascotte dei marinai, fu portato in giro per mezzo mondo, in Spagna, nelle Canarie, in Africa, in Gran Bretagna. In Italia e in Francia compare in periodo rinascimentale e diviene il favorito dei re e dei principi, infiocchettato e viziato, perfino immortalato in diversi dipinti di Goya. Ma la Rivoluzione francese lo fa decadere.

Il numbat: un mangiatore di termiti

Fra i marsupiali carnivori, assai singolare è il mirmecobio, noto anche come formichiere dalle strisce o formichiere marsupiale, o ancora come 'numbat', come viene chiamato dagli aborigeni dell'Australia, dove vive. Il numbat (Myrmecobius fasciatus) è molto specializzato nella sua dieta a base di termiti e, forse a causa di questo, è l'unico marsupiale australiano attivo durante il giorno in modo completo. Per i disegni caratteristici del suo mantello e il suo aspetto delicato è probabilmente uno dei marsupiali più belli.

Al Bioparco tre orsetti salvati in Albania

Tre cuccioli di orso bruno salvati in Albania - grazie a una complessa operazione internazionale - hanno una nuova casa al Bioparco di Roma. Il salvataggio è stato condotto dalle tre associazioni Salviamo gli Orsi della Luna, Four Paws e Salviamo gli Orsi Albanesi, insieme alla Fondazione Bioparco di Roma e in collaborazione con i Ministeri del Turismo e dell’Ambiente albanesi. I due fratelli, Gianni e Sam, nati all’inizio del 2017, e Mary, una giovane femmina, sono stati sottratti da condizioni di vita insostenibili.

Il Rhodesian Ridgeback: agile e coraggioso

È stato selezionato dai Boeri alla fine dell'Ottocento, ma il suo standard ufficiale è del 1922, stilato in Rhodesia, oggi Zimbabwe. Definito 'cane da safari' perché, in piccoli gruppi, veniva utilizzato per la caccia al leone e al puma. Nel nome vi è la spiegazione della sua più originale caratteristica: 'ridge' in inglese significa cresta, e 'back' significa dietro: sulla sua schiena, difatti, corre una lunga cresta di pelo, affusolata e simmetrica. Esiste una leggenda per la quale la cresta sul dorso sarebbe la zampata di un leone.

Lo Smergo maggiore

Lo Smergo maggiore (Mergus merganser) è un'anatra di grosse dimensioni, distribuita in tutta l'Europa, l'Asia settentrionale e l'America del Nord. È più comune in laghi e fiumi. Maschi e femmine sono facilmente distinguibili, dal momento che lo smergo maschio ha la testa verde scura, mentre la testa della femmina è bruno-rossastra. Lo Smergo maggiore è lungo 70 cm e l'apertura alare è di 78–94 cm, presenta una forma piuttosto slanciata e il suo profilo sull'acqua risulta essere basso.