^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 137 visitatori e nessun utente online

Australia: riecco il quoll settentrionale

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Noto anche come gatto marsupiale del nord, il quoll settentrionale è un marsupiale carnivoro originario dell'Australia. Scomparso da molte parti del suo areale storico, è stato recentemente classificato tra le specie in pericolo dalla IUCN. Esemplari di questo animaletto cominciano a tornare nel Parco del Kakadu dopo un 'addestramento' molto particolare: ai soggetti  da reintrodurre in natura l'uomo ha insegnato a evitare rospi delle canne e gatti selvatici, due specie 'aliene' in territorio australiano e pericolose per l'incolumità dei quoll.

Altre minacce sono costituite dalla distruzione, degrado e frammentazione dell'habitat a causa del mutare del regime degli incendi, dell'estrazione mineraria, del dissodamento di terreni agricoli, dell'impoverimento dei pascoli e del sovrappascolo. Molti quoll, inoltre, vengono ogni anno investiti dai veicoli. Il rilascio dei primi 9 quoll rientra in un programma federale da 200 mila dollari che prevede l'addestramento e il reinserimento in natura di 150 esemplari di quoll nel parco nei prossimi 18 mesi. Almeno a giudicare dai segnali radio, i quoll sono riusciti a superare le prime notti da soli nella natura. I quoll arrivano da Astell Island, nel Northern Territory, e sono stati 'addestrati' al Territory Wildlife Park.

Per questi marsupiali il rospo delle canne è pericoloso perché le sue tossine possono avere effetti letali. Per questo i ricercatori hanno nutrito i quoll anche con salsicce miste di carne di rospo e di cavallo. Un cibo che provoca malore nei quoll ma non la morte: l'obiettivo è far loro associare l'odore del rospo delle canne a una preda da evitare. Diverso è il caso dei gatti selvatici, che sono dei potenziali predatori: i quoll sono stati esposti a felini in un ambiente sicuro e 'disturbati' dagli addestratori. In questo modo si spera che abbiano associato la sensazione di 'fastidio' all'odore dei gatti e che se ne tengano alla larga. (Foto: Wiki)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #1 Susi 2016-05-05 22:02
Che dolcezza in questi occhioni! Spero davvero che non si estingueranno c07