^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CURIOSITÀ

Quando i cuccioli diventano cartoon

Il 2017 per la Fondazione Barry passerà indubbiamente alla storia: il cane San Bernardo è stato eletto dal pubblico animale simbolo della Svizzera e sono stati ben 42 i cuccioli nati a Martigny. L’ultima cucciolata di 9 cagnolini, 5 femmine e 4 maschi, dopo un primo periodo di 6 settimane, incontreranno il pubblico al Barryland di Martigny. Per l’occasione sarà lanciato un concorso che mira a dare un nome a tre simpatici San Bernardo, protagonisti del "Théâtre Barry" che aprirà il sipario prossimo mese di aprile.

Amici Cucciolotti 2018

È in edicola la collezione più attesa da milioni di bambini, genitori, appassionati di animali e natura, diffusa in 15 paesi del mondo, e che dal 2007 a oggi ha prodotto oltre 36 milioni di album, 580 milioni di bustine e 4 miliardi di figurine. Con l’arrivo della nuova collezione - di Pizzardi Editore - quest’anno prende il via la più grande donazione di cibo a favore degli animali: grazie alla raccolta “Amici Cucciolotti 2018”, infatti, verranno donate 10 milioni di ciotole di cibo agli animali accuditi da ENPA (Ente Nazionale Protezione Animali).

Auguri di Buone Feste!

Stiamo per lasciarci alle spalle il 2017 e questo di solito è il momento degli auguri ma, anche, delle prime valutazioni. È stato un anno così così... Mesi molto tristi si sono susseguiti quando ho dovuto salutare per sempre dapprima Sumo, gattone bianco e nero che ha saputo conquistare il cuore di tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo, e poi Zorro, bellissimo micione nero che era con me da una vita. Superati i momenti di grande sconforto, ho poi deciso di lanciarmi con rinnovato vigore in un'altra avventura felina.

Fido è davvero più intelligente di Micio?

All'eterno dibattito si aggiunge, ora, uno studio in più: questa volta, sul numero effettivo di neuroni della corteccia, la struttura più estesa ed esterna del cervello, deputata alle funzioni cognitive più complesse. L'eterna 'lotta' fra cani e gatti e fra i loro proprietari, convinti che i loro beniamini siano più intelligenti rispetto agli altri, potrebbe quindi avere un vincitore: il miglior amico dell'uomo, che secondo uno studio della Vanderbilt University in Tennessee (Usa) sarebbe più 'smart' della controparte felina, si legge sulla rivista 'Frontiers in Neuroanatomy'.

Perché i cani non possono ritrarre gli artigli?

Sia nei cani che nei gatti, gli artigli proteggono le estremità delle zampe e vengono usati anche per migliorare la presa dell’animale, ad esempio quando corre (specialmente nel caso del cane), o si arrampica (soprattutto nel caso del gatto). Nel cane gli artigli sono più forti, nel gatto più affilati. Sembra proprio che sia per mantenere gli artigli taglienti - senza l’usura dovuta allo sfregamento sul terreno nella corsa - che il gatto può ritrarre gli artigli in un fodero protettivo.