^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 123 visitatori e nessun utente online

Cresce il numero dei Pets 'oversize'

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Il detto antico voleva che 'grasso è bello', ma il tutto non si riduce solo ad una questione estetica: i kg in più, quando sono troppi, provocano gravi patologie e in generale nuocciono alla salute, e ciò vale anche per gli animali domestici. Da una ricerca, condotta della Hill's Pet Nutrition, emerge che circa il 50% dei cani e dei gatti che abitano nelle nostre case è in sovrappeso. Infatti, secondo quanto rilevato dall’indagine, quasi il 10% dei cani è affetto da obesità (da moderata a grave), contro il quasi 39% che è 'semplicemente' in sovrappeso.

Per quanto riguarda i gatti, invece, oltre il 13% del campione oggetto dello studio è risultato affetto da obesità, mentre più del 40% è in una condizione di sovrappeso. Tra le cause che determinano un eccessivo accumulo di grasso nei nostri amici a quattro zampe, oltre alle troppe calorie assunte rispetto al normale fabbisogno giornaliero, ci sono altri fattori da tenere in considerazione, come ad esempio:

- sterilizzazione, che altera un equilibrio delicato e predispone all’aumento di peso (il 63% dei cani sterilizzati e il 60% dei gatti sterilizzati ha problemi di peso);

- età: con gli anni che avanzano il metabolismo rallenta e i chili di troppo cominciano a non far divertire gli animali come quando erano cuccioli. Il 65% dei cani anziani non è in forma, percentuale che scende al 13% nei cuccioli;

- allo stesso modo, anche i gatti anziani sono meno in forma rispetto ai gatti cuccioli (la percentuale di gatti non in forma passa dal 63% negli anziani a solo il 17% nei cuccioli);

- ambiente: lo stile di vita casalingo, più sedentario, predispone il cane a prendere peso e a fare meno movimento (il 49% dei cani che vive in casa non è in forma);

- allo stesso modo, anche i gatti che vivono in casa hanno meno stimoli e fanno meno movimento rispetto a quelli che possono uscire (il 56% dei gatti domestici supera il proprio peso ideale).

Secondo gli studi, anche solo un 20% del peso corporeo in più può comportare gravi problemi di salute. Lo stato di sovrappeso, infatti, espone l’animale a un maggiore rischio di sviluppare patologie: se il 31% dei cani normopeso soffre di una patologia, questa percentuale cresce fino al 57% nei cani obesi, per i quali il rischio di soffrire di osteoartrite triplica e le patologie cardiocircolatorie raddoppiano.

Anche per il gatto, il peso in eccesso aggrava le malattie esistenti: se il 40% dei gatti normopeso soffre di una patologia, questa percentuale cresce fino al 56% nei gatti obesi, per i quali il rischio di soffrire di malattie legate all’apparato urinario, cutaneo e muscolo/scheletrico è oltre il doppio.

Il tipo di alimentazione offerta al proprio animale domestico è molto importante. Dall’indagine è infatti emerso che, quando l’alimentazione è di tipo industriale, somministrata nelle dosi raccomandate, l’incidenza del sovrappeso negli animali si riduce notevolmente.

I cani meno in forma sono risultati essere quelli che hanno un’alimentazione mista (57%) o che mangiano gli stessi alimenti della tavola del padrone (64%), mentre l’incidenza dell’obesità nei cani che mangiano prodotti industriali si dimezza rispetto alle altre tipologie di alimentazione. Il 67% dei gatti che mangia lo stesso cibo del proprio padrone non è in forma, e il 60% di quelli che mangiano cibo casalingo ha problemi di peso. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Nikiezorro
0 #3 Nikiezorro 2016-06-01 11:42
io mi sono arresa da un pezzo con il Sumo... eppure è ancora qui su questa Terra... in barba a tutti i dietologhi e luminari *divertente
 
 
Susi
0 #2 Susi 2016-05-28 16:32
Sono d'accordo con Perla. Stiamo attenti al peso, d'accordo, ma senza esagerare (vale anche per gli umani *lol )
 
 
Perla
+1 #1 Perla 2016-05-28 15:11
D'accordo su tutto ma....devo aggiungere un piccolo grande ma. La nostra Carlotta ha vissuto i suoi migliore anni a dieta per evitarle problemi in vecchia....vecc hiaia che non è mai arrivata ahimè. La sfortuna ce l'ha portata via con 10 anni e non per colpa dei kg in più.
Il nostro Enki, ama il cibo più di tutto e malgrado sia un FIV+ con il suo sovvrapeso sta vivendo alla grande. Ho deciso di non privarlo dalla sua gioia più grande già da qualche anno. Vive con peso in più ma felice.