^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 51 visitatori e nessun utente online

La foto della settimana

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

L'hanno messa letteralmente all'ingrasso: miele, cereali, muesli, pane, carne macinata, crocchette per cani, uova, larve di mosca, frutta, insalata di cui è ghiotta. Morena, l'orsacchiotta marsicana salvata da morte certa lo scorso maggio, quando era stata forse abbandonata dalla madre, 'deve' mettere la pancia, se no è difficile che venga rilasciata in natura fra un mesetto circa. Perchè manca poco per il primo esperimento mai effettuato in Italia di reimmissione in ambiente per un orso, clima e peso raggiunto permettendo.

Morena, infatti, sarà lasciata nei boschi del Parco Nazionale d'Abruzzo ai primi di novembre. La notizia buona è che l'orsacchiotta ha una fame da 'lupa'. E che ingrassa che è una bellezza: quando era stata ritrovata a Villavallelonga era una piccola che pesava neanche 2 chilogrammi, ora invece ne pesa 23. Ai primi di novembre quindi tutti gli occhi saranno puntati sul Parco per il primo rilascio in natura di un orso: ansia comprensibile, non è detto che l'esperimento possa riuscire, specie in un territorio comunque fortemente antropizzato come l'Abruzzo. Ma se Morena arriverà a 35 chili, dicono gli esperti, potrebbe farcela sul serio. (Foto: Parco Nazionale d'Abruzzo Lazio e Molise)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Nikiezorro
0 #3 Nikiezorro 2015-12-28 10:44
Orsetta Morena - Emozioni in 12 Scatti - Calendario 2016

www.parcoabruzzo.it/.../
 
 
Nikiezorro
0 #2 Nikiezorro 2015-12-16 14:10
L'orsetta Morena torna libera nel parco!

Nei giorni scorsi, lo staff del servizio scientifico e veterinario del Parco, unitamente al personale di sorveglianza, ha provveduto a rilasciare in Natura l'orsetta Morena, dopo averla sottoposta ad attenta visita sanitaria, secondo quanto stabilito nelle linee guida per il rilascio, redatte in collaborazione con un pool di esperti nazionali ed internazionali, con il supporto dell'ISPRA (Istituto per la protezione e la ricerca ambientale) e con il conforto dei consigli del Dr. Beecham, che ha aiutato il Parco sin da agosto scorso, in questa difficile ed impegnativa operazione.

VIDEO: youtu.be/AVvokHVyI9M

Già dall'ultima nevicata di fine novembre Morena aveva iniziato a ridurre l'assunzione di cibo e a nascondersi nella tana anche per un intero giorno, segno che il suo metabolismo stava rallentando in vista del letargo, per cui si è deciso il suo rilascio, anche in considerazioni delle altre variabili in gioco, tante e non sempre prevedibili, tra cui le condizioni climatiche e i siti di rilascio.

Questi ultimi sono stati individuati sulla scorta di una serie di elementi oggettivi tra i quali: potenziali siti di svernamento, bassa densità umana, presenza di acqua e adeguate risorse trofiche disponibili, bassa densità di orsi maschi adulti e non ultimo, in ordine di importanza, la distanza dai centri abitati e dalle attività antropiche.

"Con lo stesso presupposto con cui abbiamo prelevato Morena a fine maggio scorso, quello cioè di dare una chance di sopravvivenza ad una femmina di Orso bruno marsicano, ora l'abbiamo restituita alla Natura", sostiene il Direttore del Parco Dario FEBBO.

La scelta del tempo e del sito di rilascio dipendevano, a parere degli esperti, soprattutto dal peso e dai comportamenti. Per quanto riguarda il peso, l'orsetta aveva superato i 40 kg, per cui si era tranquilli, mentre per gli aspetti comportamentali , non si voleva che la vista dei custodi, quasi quotidiana, potesse determinare "abituazione". L'operazione di rilascio è stata eseguita con la cura e la riservatezza del caso, dettate da ragioni di sicurezza. Con la stessa riservatezza, ora Morena, sarà seguita grazie al radio collare satellitare di cui è stata munita prima del rilascio, così da avere in tempo reale informazioni sulle sue attività.

"Il Parco ringrazia il Corpo Forestale dello Stato - afferma il Presidente Antonio CARRARA - per il supporto logistico fornito in questi mesi e tutti coloro che a vario titolo hanno lavorato e collaborato all'operazione di recupero dell'orsetta: il Direttore e il personale del Parco, il referente scientifico Prof Boitani, il dott. Genovesi di ISPRA, tutti gli esperti nazionali e internazionali consultati e che hanno condiviso le linee guida elaborate. E' la dimostrazione che quando le Istituzioni collaborano, si possono ottenere buoni risultati."

Un ringraziamento particolare al Dott. Beecham che ci ha fatto pervenire il seguente messaggio:

"Complimenti! Avete fatto un ottimo lavoro con Morena. Adesso tocca a lei sfruttare al meglio l'opportunità di vivere libera in natura. Nelle foto si vede che sta molto bene. Aspetto con ansia gli aggiornamenti. Ricordate che avete fatto tutto il possibile e le avete dato una vera opportunità di successo in natura. Non tutti i rilasci hanno successo, però potete prendervi il merito di averla sostenuta con forza e averle dato questa possibilità, indipendentemen te da come andrà a finire".

Ufficio di Presidenza

Antonietta Ursitti Tel. 0863.9113204 e-mail

Comunicato Stampa n. 42/2015
 
 
Susi
+1 #1 Susi 2015-10-12 21:06
Auguri alla piccola Morena c06