^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 115 visitatori e nessun utente online

La foto della settimana

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Un coccodrillo camuffato tra le erbe in uno stagno a Tangerang, Indonesia. Questo potente rettile per cacciare s’immerge in acqua lasciando allo scoperto occhi, narici e una parte del dorso e rimane immobile come un tronco di legno. La tecnica di caccia è l’agguato: aspetta immobile senza fretta che un animale si avvicini per bere poi scatta velocemente con la bocca spalancata e lo cattura per la gola per affogarlo. Non sapendo masticare, inghiotte la preda dopo averla fatta a pezzi.

Legate al mondo dei coccodrilli esistono diverse dicerie e leggende; come ad esempio il modo di dire 'versare lacrime di coccodrillo'. Il detto trae origine dal mito secondo cui i coccodrilli verserebbero lacrime di pentimento dopo aver ucciso le loro prede o dopo averle divorate. Esistono diverse varianti di questo mito; spesso la credenza è riferita in modo specifico al caso di coccodrilli che divorano prede umane, ma in alcuni casi viene anche riportato che a piangere sarebbe la femmina di coccodrillo che ha appena divorato i propri piccoli. La femmina di coccodrillo in effetti, che depone le numerose uova sulla terraferma, dopo la nascita dei piccoli li trasporta in acqua, al sicuro dai predatori, mettendoli in bocca, e durante questa operazione, la lacrimazione aumenta di intensità.

In verità, i coccodrilli lacrimano, talvolta anche in modo vistoso, per motivi puramente fisiologici: tali lacrime hanno lo scopo di ripulire il bulbo oculare e lubrificarlo in modo da facilitare il movimento della terza palpebra che lo protegge in immersione; inoltre, hanno la funzione di espellere i sali che si accumulano nell'organismo dei coccodrilli. Non avendo la sudorazione, i coccodrilli possono espellere i sali solamente attraverso le lacrime e gli escrementi. La lacrimazione aumenta se il coccodrillo rimane a lungo fuori dall'acqua. Un'altra leggenda è quella della presenza di coccodrilli nelle reti fognarie di grosse città statunitensi... (Foto: Telegraph)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #2 Susi 2016-02-18 19:58
*ridere Perla, neanche io vorrei avere un incontro ravvicinato con un coccodrillo *scioccato
E' davvero splendida la foto, e la profondità di quest'occhio che spunta fuori..... affascinante c09
 
 
Perla
+2 #1 Perla 2016-02-15 10:49
La foto è splendida...... i coccodrilli, ahimè, un po' meno *timido