^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

La foto della settimana

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

L'hanno chiamata Nangua, che in cinese significa zucca. Un omaggio al colore arancione del suo mantello che, però, col tempo diventerà scuro come quello della madre. Nangua è un cucciolo femmina di Trachypithecus francoisi, Langur di Francois o presbite di Francois (deve il suo nome a Antoine Francois che scoprì la specie nel 19mo secolo), nata da poche settimane allo zoo Taronga di Sydney. Si tratta di un primate originario dell’Asia, soprattutto Vietnam e Cina, oggi rarissimo e a rischio estinzione.

A causa della distruzione da parte dell’uomo del suo habitat e della caccia indiscriminata (venivano uccisi perché si credeva alle proprietà curative delle loro ossa da cui veniva ricavato una specie di liquore), si calcola che ne restino ormai meno di mille esemplari allo stato brado. Il periodo della gestazione di questi primati dura circa sei mesi, al termine dei quali viene dato alla luce un unico cucciolo che è di colore arancione. Oltre alla madre, anche le altre femmine del gruppo si prendono cura del piccolo, ad esempio quando la genitrice è occupata a nutrirsi. Col raggiungimento della maturità sessuale, i giovani si allontanano dal gruppo natio.

I maschi tendono a formare bande di scapoli, in attesa di divenire abbastanza grandi e forti da poter competere coi maschi adulti per il possesso di un proprio gruppo, mentre le femmine entrano a far parte di altri gruppi, per evitare episodi di incesto, e stabiliscono fra loro precise gerarchie che si traducono nella priorità o meno nell'accesso alle fonti di cibo e nel dover dare o ricevere il grooming. Sono animali diurni ed arboricoli, che nelle ore più calde della giornata, così come di notte o in caso di maltempo, cercano rifugio nel folto della vegetazione. Vivono in gruppi che contano una dozzina d'individui, composti da un singolo maschio e numerose femmine e cuccioli. (Foto: Taronga Zoo/Iberpress)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #2 Susi 2016-09-13 11:06
Molto carini... e speriamo che riescano evitare l'estinzione c34
 
 
Perla
+1 #1 Perla 2016-09-12 22:54
Quanta dolcezza in questa foto c36