^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

La foto della settimana

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Due gru sorvolano un campo di papaveri in fiore a Brodowin, nel Brandeburgo (Germania). La gru cenerina o gru eurasiatica è un uccello, molto caratteristico con zampe lunghe e collo lanciato, che appartiene alla famiglia Gruidae, e le cui dimensioni vanno dai 90 ai 150 cm di lunghezza. In volo - lo stormo si sposta con la tipica formazione a V - le gru hanno testa e collo protesi in avanti, al contrario degli aironi (Ardeidae) che volano con il collo incurvato a S, ed emettono il tipico verso strombettante 'kru' o 'kri-kru'.

Le gru si presentano con un piumaggio grigio, la testa è bianca e nera con una macchia rossa sul vertice. Il lungo becco è circondato da un piumaggio nero che si allunga verso la gola, sulla nuca e sulla fronte; lateralmente agli occhi si prolunga una mascherina bianca. Le penne sopra la coda sono allungate e cascanti e terminano con un ciuffo dalle estremità più scure. I giovani si riconoscono per l'assenza di macchie scure sulla testa e per la coda meno 'cespugliosa'.

La gru, al di fuori del periodo riproduttivo, manifesta delle abitudini gregarie molto intense, costituendo dei gruppi numerosi e grazie ai continui richiami sonori tutti i componenti si mantengono in contatto. Trascorrono l'inverno in luoghi tradizionali dell'Europa meridionale e nel Nordafrica. La gru nidifica su di un vasto areale che va dalla penisola scandinava alla Siberia orientale, ma in passato esistevano aree riproduttive anche nell’Europa centro-meridionale, come ad esempio il Delta del Po.

Le coppie sono stabili nel tempo e fedeli ai territori di nidificazione. Il nido, una piattaforma di materiale vegetale, viene costruito sul terreno al margine di laghi o paludi, preferibilmente in aree alberate e indisturbate. Depone di solito due uova che verranno incubate sia dal maschio che dalla femmina. Entrambi i genitori, inoltre, partecipano allo svezzamento dei piccoli. Nei quartieri di svernamento le gru si cibano prevalentemente di vegetali come cereali, patate e ghiande. Nei luoghi di riproduzione, come distese paludose e acquitrini, si nutrono anche di insetti e pesciolini. (Foto: Dpa)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #2 Susi 2017-06-28 14:23
Complimenti per la foto e le informazioni sulle gru dei quali sapevo ben poco c09
 
 
Perla
+1 #1 Perla 2017-06-25 21:03
La foto è stupenda per le gru ma anche per i papaveri!!! Tra i miei fiori preferiti!! c28