^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 70 visitatori e nessun utente online

La foto della settimana

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Trenta gipeti barbuti nati in ambienti selvaggi hanno preso il volo quest'anno nella regione alpina: si tratta di un record. Tredici di loro sono la prole di coppie che nidificano in Svizzera, a comunicarlo la Fondazione Pro Gipeto. Circa la metà dei 30 giovani gipeti che hanno lasciato il loro nido nelle Alpi sono cresciuti in Svizzera. Otto provengono dall'Italia, altri otto dalla Francia e uno dall'Austria, precisa la nota, aggiungendo che dal 2007 dei gipeti covano ogni anno nelle Alpi svizzere con successo.

La reintroduzione del gipeto dal 1991 e la sua Protezione in Svizzera permette oggi a una piccola popolazione di questa specie di svilupparsi progressivamente. La ragione determinante di questa evoluzione positiva risiede tuttavia altrove: la popolazione di stambecchi e di altri ungulati protetti fornisce sufficiente cibo ai gipeti ghiotti di ossa di questi animali morti.

La 12esima edizione delle Giornate internazionali di osservazione dei gipeti barbuti si svolge dal 7 al 15 ottobre. La Fondazione Pro Gipeto e la Stazione ornitologica svizzera cercano volontari che partecipino a questa operazione di censimento.

Le persone interessate possono iscriversi sul sito: bartgeier.ch/beobachtungstage

Fonte

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Perla
0 #2 Perla 2017-10-11 13:52
Si, davvero una splendida notizia! c34
 
 
Susi
0 #1 Susi 2017-10-10 11:52
Che bella notizia! c04