^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 120 visitatori e nessun utente online

Come pettinare il gattino

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

I gatti tengono molto all'aspetto fisico e si dedicano istintivamente alla cura del proprio corpo. Tale operazione serve a rimuovere il pelo in eccesso, a sciogliere i nodi, a dare tono ai muscoli e a facilitare i rapporti sociali. Aiutare il micio a curare il proprio corpo eviterà la formazione di palle di pelo nel suo stomaco e rafforzerà il legame fra di noi. Nei negozi di prodotti per animali troveremo in vendita pettini, spazzole e guanti adatti allo scopo. Cominciamo le sedute di pulizia appena il gattino arriva a casa e cerchiamo di abituarlo gradualmente all'interazione prevista dalle operazioni igieniche.

Prevediamo brevi sedute quotidiane, accompagnate da cibo come ricompensa. Man mano che il micio cresce, riduciamo la frequenza delle sedute. Per i gatti a pelo corto, una pulizia ogni quindici giorni è sufficiente, mentre i gatti a pelo lungo hanno bisogno di attenzioni quotidiane. Se il gattino non è abituato ad essere maneggiato, lo possiamo tenere in modo che ci dia le spalle.

GATTINI A PELO CORTO

1. Usiamo una spazzola morbida o un guanto per rimuovere il pelo in eccesso dalla testa e dalla schiena. Passiamo un pettine a denti sottili dalla testa alla coda, seguendo la direzione del pelo. Poi cambiamo direzione e pettiniamo contropelo.

2. Voltiamo il gattino a pancia in su, in modo che la testa ci poggi sullo stomaco o sul ginocchio. Giriamolo con dolcezza, tenendo il corpo con entrambi le mani. Ora possiamo pettinargli il ventre. Alla fine passiamo un panno umido sul pelo.

GATTINI A PELO LUNGO

1. Spazzoliamo il micio sulla testa e sulla schiena con una spazzola morbida, seguendo la direzione del pelo. Ripetiamo l'operazione più volte, poi facciamo la stessa cosa contropelo. Sciogliamo i nodi, soprattutto dietro le orecchie, sulla pancia, sul ventre e sotto la coda.

2. Voltiamo il gattino e iniziamo a spazzolargli la pancia, facendo seguire alla spazzolata una bella pettinata, sia nel senso del pelo, sia contropelo. Spargiamo un po' di talco e spazzoliamolo subito via. Lucidiamo il pelo con un guanto, un panno umido o una pelle di daino. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.