^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 132 visitatori e nessun utente online

Gite fuoriporta: la prima uscita

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Meglio tenere il gattino sempre in casa per i primi due o tre giorni dopo il suo arrivo. Dopo di che può iniziare il semplice addestramento per fargli prendere confidenza con il mondo che lo circonda. Se il tempo è accettabile - certo, non se piove o nevica - possiamo liberare il micio in giardino o in cortile, sotto la nostra attenta supervisione. Prima, però, verifichiamo l'eventuale presenza di rischi (sostanze tossiche, come pesticidi, e attrezzi da giardino acuminati) e fissiamo una rete - preferibilmente quelle di plastica rigida usata per i rampicanti - lungo la sommità di muri e staccionate.

Questo servirà ad impedire eventuali tentativi di fuga e possibili sparizioni prima che il micio abbia definitivamente adottato la sua nuova casa. Una volta che il gattino si sarà pienamente ambientato, queste protezioni potranno essere rimosse. Alcune piante tossiche per i gatti sono elencate QUI. Il nostro micio probabilmente non mangerà o leccherà queste specie velenose, ma per evitare rischi sarà bene tenere gli occhi aperti. Supervisioniamo le prime sortite del gattino, restando in giardino con lui.

Può essere una buona idea programmare le uscite poco prima dei pasti, in modo che, quando rientriamo in casa, il micio troverà una piacevole sorpresa. Inoltre, per rafforzare il suo apprezzamento per le gioie casalinghe, diamogli un premio alimentare. Avvisiamo tutta la famiglia che determinate sostanze chimiche, in particolare alcuni insetticidi per formiche e pesticidi, sono tossiche per il gatto e non vanno usate né in casa né in giardino.

Oltre a mettere una rete in cima alle staccionate, dovremmo coprire l'eventuale vasca o laghetto del giardino con una struttura protettiva oppure circondarlo con una bassa staccionata. I laghetti sono particolarmente pericolosi per i cuccioli e i giovani gatti. Se intendiamo realizzarne uno, evitiamo quelli con le sponde ripide. Se hanno pareti poco inclinate, il micio riuscirà a mettersi in salvo qualora finisca accidentalmente in acqua.

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Perla
+1 #2 Perla 2015-01-08 12:10
Davvero ottimi i consigli! La foto..... c07
 
 
Susi
+1 #1 Susi 2015-01-05 13:06
ottimi consigli come sempre Niki. Oh quanto ho nostalgia di un morbido cucciolo di micio. Ma intanto sono felice di abbracciare e coccalore tuttti i miei vecchietti c07