^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 110 visitatori e nessun utente online

Aiuto! Ora come scendo?

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Il gatto è uno scalatore esperto, coi suoi artigli affilati e le potenti zampe posteriori che lo spinge verso l’alto. È solo quando si trova in cima a un albero che la sua naturale paura dell’altezza si fa viva, immobilizzandolo. Gli artigli, ricurvi verso l’interno, non lo aiutano a scendere a testa in giù, e Micio dovrà sostenere il proprio peso con le zampe anteriori meno forti. Molti gatti salteranno giù da un ramo basso o scenderanno a marcia indietro anziché a testa avanti.

Qualsiasi tecnica usi, la stragrande maggioranza dei gatti alla fine riuscirà a scendere (anche se il processo potrebbe richiedere ore). Se il nostro gatto rimane bloccato cerchiamo di restare calmi. Se è ferito o ha il guinzaglio avvolto attorno al collo, chiamiamo i soccorsi. Se non c’è pericolo imminente, aspettiamo prima di agire. Come detto, la maggior parte dei gatti alla fine scende senza aiuto, ma se il nostro non ci riesce cerchiamo di non lasciarci prendere dal panico. Un nugolo di persone attorno non farà altro che renderlo più titubante.

Mettiamo invece il suo cibo preferito per terra. Molti gatti hanno forti reazioni istintive al rito del pasto. Il gatto potrebbe correre giù dall’albero prima ancora di rendersi conto di averlo fatto. Naturalmente bisogna scegliere un cibo che ama particolarmente. Per alcuni mici può essere semplicemente una scatoletta di cibo umido; per altri, possono essere le sardine o il tonno in scatola. Se non funziona col cibo, mettiamo una scala contro l’albero. Prestiamo attenzione che la scala non entri in contatto con i cavi elettrici (qualora si trattasse di un palo della luce anziché di un albero).

Anche se si può esser tentati di arrampicarsi sull’albero per salvare il proprio gatto, quest’ultimo deve avere la possibilità di scendere da solo. Sì, un gatto sa scendere da una scala! Se questa strategia non funziona e decidiamo di arrampicarci per recuperare il nostro amico, prendiamo tutte le precauzioni necessarie per la nostra sicurezza (le cadute da una scala possono provocare ferite gravi e perfino la morte!). Teniamo anche a mente che probabilmente il gatto è in ansia, quindi indossare una giacca e un paio di guanti spessi ci proteggerà dai graffi. Non dovremo in nessun caso sporgerci né metterci in pericolo per afferrare il gatto.

Se i nostri tentativi di salvarlo lo spingono ad arrampicarsi ancora più in alto - oppure se il gatto rimane sull’albero per più di 24 ore - contattiamo il veterinario, che potrà consigliarci chi chiamare per chiedere aiuto nella nostra zona. I pompieri non correranno in soccorso dei gatti bloccati sugli alberi come capita di vedere nei film… Costo e responsabilità possono essere addotti come giustificazioni, ma non potremo conoscere conoscere la politica dei pompieri finché non li chiameremo. Qualsiasi organizzazione ci dia una mano, una donazione sarebbe un ottimo modo per ringraziarla dell’aiuto. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Nikiezorro
0 #2 Nikiezorro 2015-12-20 11:22
Grazie carissima *lingua
 
 
Perla
+1 #1 Perla 2015-12-20 10:09
Molto utile questo articolo e consigli molto saggi. Grazie Niki c09