^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 100 visitatori e nessun utente online

Come liberare Micio dai parassiti esterni

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Oltre che dai parassiti interni, Micio può essere afflitto da fastidiosi animaletti che colpiscono l’epidermide. Il più comune parassita esterno del gatto è la pulce, che può appartenere alla varietà felina, canina o umana. Le attenzioni di questi piccoli e fastidiosi animali succhiasangue costringono il gatto a grattarsi, torcersi e leccarsi per l’irritazione. Se osserviamo da vicino il pelo del gatto, potremmo non essere in grado di individuare nemmeno uno di questi insetti sfuggenti.

Ma la loro presenza è chiaramente tradita da ciò che sembra polvere di carbone sul pelo, cioè i loro escrementi. I gatti vengono anche infestati da due tipi di pidocchio, che possono attaccarsi a qualunque punto del corpo, ma di solito prediligono la testa. Se viviamo in campagna, il nostro gatto può prendere le zecche ovine vagabondando per i campi. Sono creature che succhiano il sangue gonfiandosi fino a somigliare a mirtilli. In autunno, il manifestarsi di dermatiti irritanti può essere causato dagli acari del grano, mentre gli acari del pelo possono provocare forfora.

Varie specie di acari amano annidarsi nella pelle del gatto e sono all’origine della scabbia, una cronica infiammazione della pelle. Le zone più comunemente interessate sono la testa e le orecchie. La tigna è un fungo parassita della pelle che provoca lesioni cutanee. Se sospettiamo la sua presenza, chiediamo al veterinario di confermare la diagnosi e poi sottoponiamo il gatto a un trattamento antimicotico orale o con apposite lozioni a uso esterno. Teniamo d’occhio, soprattutto mentre facciamo i check-up settimanali, qualunque traccia di infiammazione o eventuali zone prive di pelo.

Se ci sembra che qualcosa non vada, chiediamo subito un consiglio professionale oppure, se siamo certi della causa, usiamo polveri antiparassitarie o le gocce ad azione locale. Le pulci depongono le uova sul gatto senza cementarle al pelo, come i pidocchi, quindi è molto probabile che le uova giacciano in incubazione in casa, sui tappeti e sui mobili e, soprattutto, nella cuccia. Usiamo speciali spray per trattare le zone dove vive il gatto e bloccare la schiusa delle uova.

Se troviamo una zecca addosso a Micio, seguiamo queste semplici mosse:

- divarichiamo bene il pelo in modo da evidenziare la zecca e assicuriamoci che sia una zecca e non una neoformazione cutanea o un capezzolo, prendiamo una pinzetta (in commercio ne vendono anche di apposite per l'estrazione delle zecche e sono particolarmente comode), afferriamo la zecca il più vicino possibile alla cute del gatto (dobbiamo prenderle la testa, non il corpo), a questo punto o ruotiamo delicatamente o tiriamo leggermente in modo da estrarla senza decapitarla (le mascelle sono affondate nell’epidermide e se restano dentro possono provocare ascessi).

Se la testa della zecca rimane nel gatto può capitare che si forma un granuloma infiammatorio che ci mette anche qualche mesetto a passare del tutto o, nei casi più sfortunati, una sovrinfezione batterica con sviluppo di ascesso che richiede medicazioni, antibiotico e a volte drenaggio. Tuttavia, meglio rischiare un ascesso che una malattia da zecca. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
+1 #1 Susi 2016-06-13 21:02
Grazie per questi preziosi consigli, non sono veramente mai completamente al sicuro di questi parassiti vari *confuso