^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 107 visitatori e nessun utente online

Campanello d'allarme: l'aggressività

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Uno stato di dolore cronico, o anche la sola associazione delle mani al dolore, possono indurre Micio a comportamenti difensivi e, talvolta, aggressivi, non senza aver prima cercato di dissuaderci di toccarlo con un linguaggio del corpo assolutamente inequivocabile. Sempre a causa del senso di vulnerabilità dato da un malessere fisico, lo stesso comportamento può essere assunto anche nei confronti di un altro gatto. Se ne possediamo più di uno, bisogna tenere a mente che un gatto malato assume un odore diverso da quello del gruppo.

E ciò basta a influenzare l'atteggiamento degli altri membri: quindi è opportuno fissare una visita medica sia per la vittima sia per l'aggressore. Il dolore fisico si accompagna a numerose malattie come artrite, patologia del tratto urinario inferiore e qualsiasi trauma o ferita derivanti dallo scontro con un'automobile o dalla lotta contro un altro gatto. Tutte queste condizioni potrebbero comportare una certa dose di aggressività da parte di chi non vuole essere toccato.

Lo stesso dicasi per altre malattie quali il virus dell’immunodeficienza felina, la toxoplasmosi, l’encefalite e, per quanto riguarda in particolare i gatti anziani, l’ipertiroidismo, una disfunzione della tiroide che ne causa l’iperattività, con conseguente perdita di peso, aumento dell’appetito e nervosismo. In tutti questi casi, quindi, l'aggressività è una reazione difensiva ad approcci indesiderati o al semplice contatto fisico.

Talvolta però capita che la reazione appaia del tutto immotivata ed estremamente violenta, preceduta da comportamenti inusuali e seguita da uno stato di confusione e profondo avvilimento. Potrebbe essere sintomo di una crisi o di una malattia cerebrale: non perdiamo tempo e corriamo dal veterinario. Nel frattempo, proprio perché questi attacchi possono avere luogo senza alcun preavviso, prendiamo le dovute precauzioni per proteggerci fino alla risoluzione del problema.

Se Micio è sempre stato tranquillo e all'improvviso aggredisce noi o un altro gatto, quasi certamente è malato oppure dolorante. Anche in questo caso dobbiamo rivolgerci al veterinario il prima possibile, anche per farci dare utili consigli su come maneggiare il piccolo felino nell'eventualità in cui dobbiamo somministrargli medicine. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #2 Susi 2016-09-23 20:58
Complimenti per questo articolo e grazie per i consigli c04
 
 
Perla
+1 #1 Perla 2016-09-23 13:17
Ottime riflessioni e consigli Niki! c28