^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 90 visitatori e nessun utente online

Adottare un gatto da un rifugio

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Adottare in un rifugio per animali o in un qualsiasi gattile è l'idea migliore, il gesto che distingue ogni vero amante dei mici. Ci sono migliaia di cuccioli e adulti in disperata attesa di una casa, e la triste realtà è che spesso gli adulti sono ignorati in favore dei piccoli, lasciati ad aspettare per mesi e mesi. Il primo passo è scegliere dove adottare. Purtroppo ancora oggi esistono associazioni le cui sedi sono poco più di una bolgia stracolma di gatti ammucchiati ovunque, spesso chiusi in gabbie troppo piccole e tenuti in condizioni igieniche meno che pessime.

Se siamo a conoscenza di luoghi del genere, salviamo un gatto da una vita simile e denunciamo immediatamente l'associazione alla Protezione Animali. Chi tiene degli animali in condizioni del genere non ha scuse. Adottare in simili tuguri è un atto di altruismo che vale doppio ma, purtroppo, spesso comporta un conto dal veterinario molto salato. In questi casi si dovrebbe anche considerare la possibilità di un periodo di quarantena, se possibile in una camera a parte, fin quando il nuovo arrivato non è tornato in perfetta salute. Periodo di quarantena che diventa obbligatorio se abbiamo già un gatto!

In un buon rifugio tutti i nuovi arrivati vengono messi in quarantena e gli ospiti già presenti in alloggi separati. L'ambiente è pulito e il personale gentile e pronto a darci tutte le informazioni di cui abbiamo bisogno, dai vaccini alle particolarità fisiche e caratteriali. Diffidiamo di chi ci lascia andare via col gatto già alla prima visita e senza chiedere nulla. Fare piccoli controlli sulla casa in cui il prescelto andrà a stare richiede tempo ma è segno di affidabilità.

Poniamo tutte le domande che ci vengono in mente: è sterilizzato? Vaccinato? Ha problemi di salute? È stato sottoposto al test del virus dell'immunodeficienza felina? (Non tutti i rifugi possono permettersi questo tipo di test: in tal caso dovremo provvedere noi, anche e soprattutto se abbiamo già un altro gatto). Va d'accordo con i cani? E con altri gatti? Ha problemi comportamentali di qualsiasi natura? In un rifugio serio saranno in grado di rispondere a queste e a molte altre domande.

CONSIGLIO GATTO

Se abbiamo scelto un micio piuttosto nervoso, prima di portarlo a casa acquistiamo una bomboletta di Feliway e spruzziamolo nella camera in cui il gatto trascorrerà la maggior parte del tempo. In alternativa possiamo munirci di un diffusore, sempre di Feliway, da installare e lasciare acceso nella stanza ventiquattr’ore prima del suo arrivo. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Perla
0 #2 Perla 2016-10-30 15:50
Ottimi tanto l'articolo quanto i consigli. Meravigliosa la foto c07
 
 
Susi
0 #1 Susi 2016-10-25 14:47
Grazie per questo articolo Niki c09