^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 161 visitatori e nessun utente online

Gatti di casa a rischio per sostanze ignifughe

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Casa dolce casa? Potrebbe non essere sempre così... Infatti, secondo uno studio dell'Università di Stoccolma - pubblicato sulla rivista Environmental Science & Technology - i gatti di casa sono esposti a diversi agenti chimici presenti negli oggetti elettronici e nei mobili, sostanze che diventano polveri e possono avere conseguenze negative sulla salute. Non solo per gli animali domestici, ma anche per le persone, in particolare i bambini.

Gli scienziati svedesi avevano rilevato in precedenza la presenza in alte concentrazioni di particolari sostanze chimiche - i ritardanti di fiamma bromurati, sostanze che aggiunte ad altre evitano che prendano fuoco - in gatti che avevano sviluppato una forma di ipertiroidismo. Nuove misurazioni, su gatti sani, hanno stabilito che queste sostanze chimiche arrivano da polveri presenti in casa. Risultato che i ricercatori definiscono preoccupante, visto che anche i bambini molto piccoli, che mettono tutto in bocca, hanno un'esposizione a queste sostanze molto simile a quella dei gatti.

I ritardanti di fiamma bromurati riscontrati nei gatti, spiegano gli scienziati, agiscono come 'disturbatori endocrini'. È quindi particolarmente grave se i bambini ingeriscono queste sostanze, perché l'esposizione durante lo sviluppo può avere conseguenze successivamente e manifestarsi, ad esempio, in malattie della tiroide. Si tratta di sostanze che vengono aggiunte a tessuti, mobili e apparecchiature elettroniche per evitare che tali materiali prendano fuoco. Alcune sono state vietate proprio perché rischiose per la salute, ma gli scienziati sottolineano che sono molto persistenti e possono essere rilasciate anche dopo molti anni. (Foto: Pinterest)

Fonte

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #2 Susi 2017-03-08 13:48
Non siamo davvero sicuri da nessuna parte *scioccato
 
 
Perla
+2 #1 Perla 2017-03-05 14:16
Notizia davvero inquietante.... . *scioccato
La foto....stupend a! *lingua