^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 95 visitatori e nessun utente online

Ferite da 'guerra' e ascessi

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Gli ascessi cutanei, consistenti in accumuli di pus, si manifestano soprattutto sul muso e intorno alla base della coda, e sono spesso il risultato di piccole ferite subite nelle zuffe, vere o finte che siano, con altri gatti. Le ferite guariscono rapidamente, ma lasciano penetrare sotto la cute i batteri, che proliferano. Nel giro di 3-5 giorni si inizia a notare un leggero rigonfiamento doloroso alla palpazione. L'infezione provoca febbre, inappetenza, stato letargico, rifiuto del gioco e sensibilità al tatto.

Se sono le zampe ad essere colpite si può notare anche una leggera zoppia. Gli ascessi sono frequenti quando ci sono più gatti che vivono a stretto contatto. La sterilizzazione dei maschi è il metodo più efficace per ridurre l’incidenza e la gravità delle zuffe. Anche tenere Micio in casa di notte serve a ridurre le opportunità di azzuffarsi con altri gatti.

Se il nostro amico è rimasto coinvolto in uno scontro, controlliamo se ci sono aree doloranti o piccole punture, anche se quest’ultime sono difficilmente visibili attraverso uno spesso mantello. Cerchiamo soprattutto nella zona intorno alla testa, al collo e alle zampe anteriori, e intorno alla base della colonna vertebrale, per verificare se ci sono grovigli di peli arruffati nel punto in cui è stata inferta la ferita. Controlliamo anche la presenza di piccoli buchi.

La rottura dell’ascesso è accompagnata da fuoriuscita di un pus giallastro, denso e maleodorante, e, maggiore è questa uscita, meglio è. Quasi sempre il gatto mostra immediatamente segni di miglioramento ed è perfino in grado di riprendere a mangiare. Rimuoviamo i peli dalla ferita e laviamo via il pus fuoriuscito con acqua tiepida e salata o con acqua ossigenata diluita.

Se l’ascesso non si rompe nel giro di uno o due giorni, è bene far intervenire chirurgicamente il veterinario per drenare la zona interessata. In caso di piccole ferite, un trattamento antibiotico immediato riduce di solito l’insorgere di ascessi e di altre complicazioni potenzialmente dispendiose da risolvere. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Perla
+1 #1 Perla 2017-04-08 13:24
Quando capita sono brutte avventure....ah imè! *piangere
A noi è capitato con Nikita e l'operazione si è resa necessaria ....