^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

Come gestire il lutto nei gatti

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Molto spesso viene dedicata poca attenzione all'argomento del lutto nei gatti, soprattutto perchè questi sono considerati degli animali indipendenti che conservano molto della loro natura 'selvaggia'. Effettivamente, però, si osservano dei cambiamenti nel comportamento del gatto dopo la perdita di un suo simile, e qualche volta è difficile comprendere tale atteggiamento. Quando gli animali sono strettamente legati è molto probabile che siano sconvolti dalla perdita del loro compagno.

Perfino i gatti che litigano in continuazione possono deprimersi per la perdita di un 'compagno nemico'. Anche se nessuno può capire se un gatto comprenda la morte, sicuramente si può affermare che egli percepisce la mancanza del suo compagno e che qualcosa è cambiato. Inoltre, in aggiunta a tale confusione, il proprietario potrebbe trasmettere al proprio gatto il dolore per la perdita dell'animale domestico.

SEGNI DI LUTTO

In realtà non esiste alcun modo di prevedere come si comporterà un gatto quando perde un compagno. Alcuni gatti sembrano completamente indifferenti, e addirittura alcuni sembrano felici quando il loro compagno di casa scompare. Altri possono smettere di mangiare e perdere interesse per quello che li circonda, diventando apatici, meno attivi e depressi. Alcuni gatti subiscono dei cambiamenti nella personalità o nel comportamento quando perdono il compagno. Anche se non si sono svolte delle ricerche approfondite sul tema del lutto felino, un sondaggio dell'American Society for the Prevention of Cruelty to Animals (Società Americana per la Prevenzione della Violenza sugli Animali) ha rilevato che i gatti mangiavano meno, dormivano di più, diventavano più lamentosi e appiccicosi nei confronti dell'umano dopo la morte di un compagno. Il dato più incoraggiante dimostra come nelle 160 famiglie osservate, tutti gli animali che avevano subito un lutto ritornavano a un comportamento normale nel giro di sei mesi.

COME AIUTARE MICIO A SUPERARE LA PERDITA

Ridurre al minimo i cambiamenti dà al gatto il tempo di capire e accettare la perdita del compagno. Alcuni cambiamenti nell'ora del pasto o più semplicemente uno spostamento di oggetti che lo circondano possono essere causa di ulteriore stress. Un gatto in lutto può rifiutare il cibo. Questo comportamento non deve essere sottovalutato perchè un gatto che rifiuta il cibo per diversi giorni potrebbe contrarre una malattia epatica potenzialmente mortale chiamata lipidosi epatica (sindrome del fegato grasso). Incoraggiamo il gatto a mangiare un po' di cibo tiepido o aggiungiamo acqua, sugo di carne o cose simili. Stiamo vicino al nostro gatto durante i pasti per infondergli sicurezza. Non modifichiamo la dieta per stimolare l'appetito perchè potrebbe causargli dei problemi di digestione. Se il gatto non mangia per tre giorni consecutivi chiediamo consiglio al veterinario.

C'È BISOGNO DI TEMPO

Passiamo più tempo con il nostro gatto, accarezzandolo e giocando con lui. Questo gli darà una sensazione positiva su qualsiasi cambiamento sia potuto accadere nel suo ambiente. Non sostituiamo immediatamente il gatto scomparso: quello che è rimasto solo potrebbe sentire a lungo la mancanza del suo compagno, ed è improbabile che accetti uno sconosciuto quando non ha ancora superato la perdita. Un nuovo gatto in questa fase sarebbe semplicemente fonte di ulteriore stress. Come in molte specie animali, annusare e strofinare il muso sul corpo del compagno morto, potrebbe far parte del processo di elaborazione del lutto. Quindi può essere di aiuto portare il corpo a casa dopo l'eutanasia prima della cremazione. Ogni qualvolta che si verificano dei chiari cambiamenti comportamentali, il gatto deve essere visitato da un veterinario per escludere un problema fisico. Per un problema comportamentale irrisolto si può consultare un esperto. Aiutare Micio a superare il dolore può essere particolarmente difficile se anche noi stiamo soffrendo per la perdita del nostro gatto. A volte può essere d'aiuto condividere le proprie sensazioni con qualcuno che ha già superato il dolore per la perdita di un animale domestico. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Perla
+1 #1 Perla 2017-04-17 11:49
Quando il nostro Nikita ci ha lasciati temevamo per Ninive perché era morbosamente attaccata a lui. Di sicuro ha sofferto per la sua mancanza ma, con la discrezione che la caratterizza,.. ....ha sofferto in silenzio e senza dare particolari segni di tristezza. Questi momenti sono quelli in cui vorrei che gli animali di casa avessero il dono della parola.....