^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 25 visitatori e nessun utente online

Quando la minaccia (o l’intruso) è umana

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

I gatti tranquilli non hanno nessun problema con eventuali visitatori umani, tuttavia gli esemplari più nervosi possono cadere vittima di un profondo stato di ansia se diamo una festa, ospitiamo qualcuno o anche solo se abbiamo gente a pranzo. Hanno perciò bisogno di un luogo sicuro in cui rifugiarsi (di solito, se presente, si tratta di una camera al piano superiore) e, nel caso in cui gli ospiti si trattengano a lungo, facciamo in modo che abbiano a disposizione acqua, cibo e una cassettina igienica.

Soprattutto non aspettiamoci che chi non è abituato ad averne intorno dimostri confidenza con un eventuale cane. In questi casi è meglio portare Micio in pensione o, meglio ancora, portarci il cane. In molti durante le ferie preferiscono assumere qualcuno che si prenda cura di Micio o magari chiedere un favore (a buon rendere) a un vicino, una soluzione che la maggior parte dei felini tollera di buon grado e senz’altro preferisce al trasferimento in un ambiente sconosciuto.

Esistono però gatti particolarmente nervosi che non gradiscono per nulla l’intrusione di una persona estranea o di un vicino che porti in casa loro l’odore dei propri gatti. Questi mici comunicano il loro disagio urinando in giro e per loro la pensione è senz’altro da preferirsi. Un gatto particolarmente sensibile è disturbato anche dalla presenza, per esempio, di operai dentro casa (portiamolo in una pensione prima del loro arrivo), in quella accanto o anche per strada. Lo stesso effetto è sortito dalla vicinanza di cani che abbaiano o dall’arrivo di un cane nell’edificio.

Nella lista delle possibili cause di ansia e turbamento va annoverata anche la nascita di un neonato. Micio ha bisogno di tempo per capire quel che accade e abituarsi. Purtroppo è ancora molto diffusa la falsa credenza che i gatti uccidano volontariamente i neonati dormendo sulla loro testa e sono sempre troppi gli esemplari abbandonati per questo; genitori attenti avranno cura di far incontrare bambino e animale solo in loro presenza.

In ultimo, anche la presenza di nuovi coinquilini o il cambio di partner può avere ripercussioni su un Micio emotivo o permaloso. Chi si comporta male con lui non ha speranze di esser perdonato e tutti noi amanti dei gatti conosciamo l’unica soluzione possibile: avanti il prossimo!

CONSIGLIO FELINO

Prima di portare a casa un neonato è prudente sistemare nel letto di Micio un fazzoletto pregno dell’odore sia del bambino sia della madre, in modo da fargli capire, attraverso il mescolamento degli odori, che il piccolo fa parte della famiglia. Ricorriamo anche al potere calmante di un diffusore di Feliway ®. (Foto: Pinterest)

ARTICOLO SUGGERITO:

- Minacce territoriali esterne

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Perla
0 #1 Perla 2017-04-23 16:16
Ottimo articolo Niki! Come sempre! c28