^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 177 visitatori e nessun utente online

All'assalto della porta d'ingresso

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Indipendentemente dal fatto che al nostro gatto sia concesso di uscire o meno, di certo non vorremo che ci sgusci via ogni volta che apriamo la porta. Non dovremmo mai salutare o accarezzare Micio quando siamo sulla porta di ingresso, o qualsiasi altra porta usiamo per entrare o uscire di casa. Se chiamiamo il gatto non appena varchiamo la soglia di casa, potrebbe iniziare ad aspettarci lì appena sente che sta per avvicinarsi il momento del nostro arrivo.

Il rumore della chiave che gira nella toppa potrebbe essere il segnale per prepararsi a sgattaiolare via quando apriamo la porta. Anziché salutare il gatto sulla porta, allontaniamoci di qualche metro dall'entrata e stabiliamo un punto in cui farci ricevere da Micio. Ignoriamolo finché non siamo arrivati in quel punto. Se lo faremo ripetutamente, è probabile che si metta ad aspettarci proprio in quel punto anziché sulla soglia.

Possiamo lasciare lì un giocattolo dispensa-cibo, così mentre andiamo via avrà qualcosa con cui tenersi occupato. Se, nel momento in cui stiamo per uscire, Micio non è particolarmente invogliato dal cibo, lanciamogli un giochino lontano dalla porta. Se tutti i metodi sopraindicati falliscono e il nostro gatto continua a prendere di mira la porta, vi è un'ultima soluzione a cui poter ricorrere. Accertiamoci, però, di aver provato tutti i metodi suggeriti, prima di usare la tecnica deterrente.

Chiediamo a qualcuno di mettersi dietro alla porta d'ingresso e di aprirla appena un po' (ma non a sufficienza da permettere al gatto di guizzare via). Se Micio si avvicina alla porta, la persona che è dietro dovrà spaventarlo usando uno spruzzino o una bomboletta d’aria compressa. Ricordiamo che non si deve mai mirare al muso del gatto. Quando Micio si sporge, bisogna mirare al petto o alle zampe. È importante che il gatto non veda la persona. Dovrà credere che sia la porta stessa la responsabile di quell'esperienza. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #1 Susi 2017-05-01 20:12
Ottimi consigli, graditi specialmente adesso che vengono in vacanza i mici dei miei figli che devono restare in camera c04