^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

Physique du chat

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Anche se non diventerà mai il re della giungla, il nostro gattino è dotato della stessa struttura fisica di una tigre o di un leopardo. In quanto predatore carnivoro, pur destinato ad adattarsi alla comoda vita della nostra famiglia, ha un corpo ancora progettato per vivere allo stato selvatico. I denti di un gatto sono la versione miniaturizzata di quelli di un leone, e identico è anche (in proporzione) lo spazio fra le fauci (i canini), perfettamente calcolato perché possano penetrare tra due vertebre contigue della preda, spezzandone il collo.

Se le fauci del leone sono spaziate per uccidere gnu e zebre, quelle del nostro micio sono ‘tarate’ sui topi. I denti laterali e posteriori del gatto sono progettati per recidere la carne, mentre la masticazione ruminante non è possibile. Spesso si dice che i gatti vedano al buio: in realtà non sono in grado di farlo nella completa oscurità mentre, con un’illuminazione fioca, i loro occhi funzionano molto meglio dei nostri. Non dipende solo dal fatto che la cornea, la pupilla e la retina dei gatti siano relativamente più grandi delle nostre, ma che dietro la retina vi è uno speciale strato di cellule riflettenti che trattengono la luce, fungono da specchio e donano i tipici riflessi dorati o verdi agli occhi di Micio, quando, di notte, vengono colpiti dalla luce.

Si pensa che le vibrisse siano legate al tatto, dato che al buio fungono da antenne sensibili e veloci. Alcuni scienziati ritengono che i gatti siano in grado di piegare le vibrisse verso il basso per orientarsi meglio quando balzano su terreni accidentati su terreni accidentati di notte. Osserviamo attentamente le zampe del nostro gattino. Vedremo che un polpastrello, posto dietro e sopra gli altri, non entra in contatto con il terreno quando cammina. Non si sa esattamente a che cosa serva, ma si suppone che sia uno ‘strumento’ antiscivolo, che entra in azione quando il gatto atterra da un salto. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #2 Susi 2017-06-07 12:18
Si, splendida foto e interessante l'articolo c09
 
 
Perla
+1 #1 Perla 2017-06-01 12:51
Significativa e molto bella la foto! c50