^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 168 visitatori e nessun utente online

Come fa Micio a mantenere l'equilibrio?

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Il gatto ha un senso dell'equilibrio eccezionalmente sviluppato, di molto maggiore rispetto a quello dell'uomo. È in grado di muoversi senza incertezza e senza vertigini lungo passaggi stretti e sporgenze e anche sull'orlo di muri alti diversi metri dal suolo. I gatti si arrampicano velocemente sugli alberi senza alcuna difficoltà; a volte, però, i nervi di un gattino possono cedere in vista della discesa ed è allora necessario un 'recupero' da parte del proprietario o dei vigili del fuoco.

Dopo l'amputazione di un arto anteriore o posteriore, il gatto non incontra molte difficoltà per tenersi in equilibrio o per muoversi ed è in grado di compensare queste difficoltà in modo quasi completo. Tutto ciò è possibile grazie al movimento dei liquidi nei canali semicircolari dell'orecchio interno che fornisce informazioni sulla posizione della testa rispetto al suolo. Queste informazioni vengono inviate sotto forma di impulsi elettrici al cervello attraverso l'ottavo nervo cranico.

Il cervelletto interpreta questi segnali assieme alle sensazioni di tatto e di pressione da parte dei cuscinetti delle zampe e di altri parti del corpo e quindi invia gli impulsi nervosi per muovere correttamente i muscoli del corpo che permettono all'animale di mantenere l'equilibrio. La coda funziona da utile contrappeso quando il gatto si muove lungo passaggi molto stretti, come l'asta di un equilibrista. La coda oscilla da una parte all'altra per compensare le variazioni nella distribuzione del peso del corpo ad ogni passo.

Essa viene tenuta anche dritta all'indietro alla fine di un salto per contribuire ad arrestare il movimento in avanti del gatto. È interessante notare che il gatto Manx, come noto senza coda, ha le zampe posteriori più lunghe delle anteriori e che esse sono fornite di robusti muscoli ben sviluppati che spostano una certa parte del peso nella parte posteriore dell'animale e, probabilmente, contribuiscono a compensare la mancanza della coda. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Perla
0 #2 Perla 2017-08-21 14:55
Noi, del GAR, stiamo per "liberare" un tripodino bianco e nero e leggere questo articolo mi solleva dai tanti pensieri riguardo al suo futuro. Grazie Niki!! c36
 
 
Susi
0 #1 Susi 2017-08-21 14:34
Mi ero proprio chiesta come i mici senza un arto o specialmente il Manx riuscivano a mantenere l'equilibrio. Ecco la soluzione.... *lingua