^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

Micio di razza o gatto meticcio?

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Prima di compiere una scelta è necessario chiedersi quale tipo di gatto si desidera, in che modo l'arrivo di un nuovo amico si concilia con il proprio stile di vita, a che cosa si è disposti a rinunciare per crescere correttamente un cucciolo, se si è in grado di affrontare le spese a cui si andrà incontro e di gestire gli eventuali problemi che si presenteranno. Molti pensano che un gatto col pedigree sia la scelta ideale, perché credono in questo modo di sapere meglio quello che li aspetta.

È troppo facile dire ‘vorrei un Siamese’ e poi non avere la possibilità di dedicarsi sufficientemente a lui; oppure ‘mi piace il Birmano’ e poi non avere il tempo per mantenere bello e sano il suo magnifico mantello. Personalmente fatico ad accettare l'idea di spendere una fortuna per un gattino col pedigree quando ci sono migliaia di gatti in buona salute che vengono soppressi ogni anno per mancanza di una casa decente. D’altra parte se si desidera un gatto di una forma o di un colore particolare, allora bisogna quasi sicuramente optare per uno di razza.

Non bisogna dimenticare, però, che l'allevatore dovrà aver fatto un buon lavoro nelle prime settimane di vita del piccolo per fargli vivere le giuste esperienze che faranno del micetto un buon animale domestico. Bisogna diffidare dagli allevatori che non si dimostrano competenti riguardo alle abitudini ed alle necessità della razza e che non si preoccupano del futuro del cucciolo. I proprietari di gatti di razza tendono inoltre a seguire i consigli degli allevatori e a tenere i loro animali chiusi dentro casa, costringendoli quindi ad uno stile di vita da recluso.

I gatti comuni a pelo corto o a pelo lungo hanno la natura come pedigree e sono altrettanto belli, amorevoli ed intelligenti dei gatti di una qualunque costosa razza. Tendono anche ad essere di salute più robusta e più ‘felini’ dei loro cugini col pedigree. È giusto anche ricordare che l’entusiasmo iniziale dell’adozione di un animale col tempo si riduce, mentre gli obblighi e responsabilità rimangono e si deve essere in grado di far fronte a questi per un periodo indeterminato. L'adozione deve sempre essere una scelta riflettuta a lungo e ben ponderata: un micio è per tutta la vita! (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Nikiezorro
0 #3 Nikiezorro 2017-09-12 09:20
La scelta per una nuova avventura felina si è compiuta: è arrivato Owen (trovatello) e Diamond razza British Shortair *lingua
 
 
Perla
+1 #2 Perla 2017-09-05 14:56
Metto la mia firma anche sotto le parole di Susi! Vedo un'unica differenza..... noi non abbiamo mai avuto gatti a pelo lungo ma solo perché il destino ha voluto così c34
 
 
Susi
+1 #1 Susi 2017-09-02 21:26
Complimenti per questo articolo Niki c09
Da noi, i gatti sono arrivati mandati dal destino *lol
Non ne ho mai scelto uno, figuriamoci prenderlo dagli allevatori ....
Sono comunque stata fortunatissima, perchè sono arrivati ben 3 a pelo lungo (2 neri e uno bianco e nero) che sono i miei preferiti c07 . Ma l'affetto non è meno per gli altri c36