^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

Il sistema nervoso centrale del gatto

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Per comprendere la vera natura del gatto è di grande aiuto lo studio del suo sistema nervoso centrale e delle proporzioni delle diverse regioni di cui si compone. La struttura è molto simile a quella dell'uomo, comprende infatti tre sezioni principali denominate prosencefalo, mesencefalo e rombencefalo. Il cervelletto, situato nella parte posteriore inferiore del cranio, è sede del controllo dell'equilibrio, della postura e del movimento; nel gatto è molto sviluppato, il che spiega la sua abilità nell'arrampicarsi, contorcersi, muoversi con eleganza e atterrare in piedi in caso di caduta.

La corteccia cerebrale (sita nel prosencefalo), sede delle funzioni superiori, controlla il movimento volontario ed è suddivisa in regioni a cui afferiscono 'geograficamente' gli impulsi inviati dai recettori sensoriali sparsi per il corpo. Anche in questo caso la specializzazione del gatto è ben evidente poiché, ad esempio, la regione preposta all'udito è molto sviluppata, e un udito acuto è indispensabile a ogni cacciatore che si rispetti. La corteccia è inoltre l'area più recente del cervello dal punto di vista evolutivo, ed è lì che avvengono le più sofisticate operazioni di integrazione delle attività nervose.

In tutte e tre le sezioni del sistema nervoso centrale esistono tuttavia aree più antiche che condividono la stessa struttura degli altri mammiferi e sono deputate a controllare comportamenti istintivi, quali alimentarsi e bere, ed emozioni intense e connaturate quali aggressività, rabbia e paura. Sebbene molti suoi comportamenti siano istintivi, nell'arco della vita il gatto è in grado di apprendere un vasto repertorio di risposte agli stimoli esterni.

L'apprendimento avviene tramite l'osservazione o l'imitazione e il classico meccanismo di prova ed errore. Da sempre l'uomo tenta di misurare il grado di 'intelligenza' del gatto (e va detto che il termine è improprio), ma finché cercherà di rapportarla alla propria non ci riuscirà mai. Il modo più sensato di giudicare l'evoluzione di un animale consiste infatti nell'osservarne la capacità di servirsi dell'ambiente che lo circonda, di comprenderlo e di adattarsi alle novità. Secondo questi canoni il gatto è un campione d'ingegno! (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Perla
0 #2 Perla 2018-04-08 11:29
Interessante l'articolo (come sempre!) e d'accordo sulla "conclusione".. ..il gatto è un campione d'ingegno! c05
 
 
Susi
0 #1 Susi 2018-04-06 18:30
Molto interessante. Vedo che il nostro Stifeli mi osserva per bene quando apro la porta o apro il rubinetto dell'acqua (mi chiedo se e quando ne sarà capace anche lui *lingua )