^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

Dio, l'uomo, la donna e il gatto

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Il primo gatto del mondo è seduto di fianco ad Adamo che impreca contro la luna perché Dio lo ha abbandonato. Il gatto ascolta e tace: sarebbe soddisfatto delle sue sette vite, se solo non ci fosse Adamo, che non si dà mai pace. Forse, pensa il gatto, avrei dovuto fare fusa più forti al Signore e strofinare la testa sulla sua mano, forse così non avrebbe creato Adamo, e poi Eva, e tutto questo non sarebbe mai successo. Eva, la mela, Caino, Abele, un Dio tanto umano da sentirsi straziato per il tradimento di Adamo e un gatto che commenta tutta la vicenda, saggio e sornione, l'unico a rimanere davvero al di sopra delle parti.

Sono questi gli ingredienti che Jutta Richter, una delle autrici più importanti nel panorama della letteratura internazionale per ragazzi, ha abilmente mescolato per incantare ancora una volta i lettori di tutte le età con la sua scrittura potente e suggestiva.

Jutta Richter è nata nel 1955 a Burgsteinfurt in Vestfalia ed è una delle più note scrittrici tedesche. Oltre a romanzi e racconti per ragazzi e adulti, ha scritto radiodrammi, lavori teatrali, canzoni e poesie. La sua carriera è costellata di premi, fra cui spiccano il prestigioso Deutscher Jugendliteraturpreis 2001 per Quando imparai a addomesticare i ragni e il Katholischer Kinderbuchpreis 2005 per Un’estate di quelle che non finiscono mai, entrambi usciti per Salani. Nel 2007 si è aggiudicata anche il Premio Hans Christian Andersen, il ‘Nobel’ della letteratura per ragazzi.

Autrice: Jutta Richter
Editore: Salani
Formato: Brossura
Pubblicazione: 05/2011
Pagine: 83
Prezzo: € 9,00

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Perla
+1 #2 Perla 2018-06-09 11:13
Si, di sicuro divertente. Già la copertina invita a sorridere c04
 
 
Susi
0 #1 Susi 2018-06-07 20:01
Un libro sicuramente molto divertente c09